Allenamento come valutare i propri progressi parte 1

power.Quando cominciamo a seguire un piano di allenamento ben programmato una delle cose più difficili da fare è quella di riuscire a valutare obiettivamente l’andamento delle proprie prestazioni. Uno dei vantaggi nell’uso del misuratore di potenza è proprio quello di darci degli utili strumenti, post workout, in grado di fornirci informazioni in merito alla qualità dell’allenamento svolto.

Premesso che non sono ne un preparatore atletico, ne tanto meno un laureato in scienze motorie, ma solo un ciclista un pò sovrappeso che ha imparato tutto dai libri e dal web, vediamo questi strumenti.

Il primo e fondamentale strumento che possiamo utilizzare è L’EF acronimo di Efficency Factor.
Questo parametro si basa su un concetto semplice: Più ci alleniamo, più la nostra capacità cardiaca migliora. Questo significa che svolgendo, ad esempio, sempre lo stesso allenamento si arriverà al punto che la potenza tenderà a parità di battiti cardiaci ad aumentare.
Ci accorgiamo di questo fenomeno, soprattutto, nel periodo di Base, quando cio facciamo il Fondo, all’inizio dell’anno, e alleniamo quindi la base aerobica.

l’EF quindi diventa EF=NP/FC
dove NP è la Potenza Normalizzata e FC la Frequenza Cardiaca media per quell’intervalo.

Ovviamente l’EF ha senso in un periodo in cui si cerca di tenere la potenza costante, che so magari quando facciamo un ora in Z2.

Inserendo almeno una volta a settimana, nella fase di carico, lo stesso allenamento, possiamo valutare la variazione dell’EF.

Se ci stiamo allenando bene, a parità di esercizio, avremo una crescita dell’EF, fino, ovviamente, ad una sua stagnazione, segno che possiamo aumentare il carico di lavoro.

Friell, un grande coach di questo Soprt porta un esempio, illuminante:
Periodo Base
Esercizio: tutto in zona 2
esempio

  • 23 dic EF 1,63
  • 30 dic EF 1,67
  • 6 gen  EF 1,70
  • 13 gen EF 1,87
  • 20 gen EF 1,76
  • 27 gen EF 1,88
  • 3 Feb EF 1,90
  • 10 feb EF 1,87

Da questo esempio vediamo, tranne il 20 gennaio, una crescita costante dell’EF.
Ovviamente qualche piccola decrescita è accettabile dato che l’EF utilizza un parametro come quello della FC che è influenzato e non poco da condizioni esterne, come stress, stanchezza, caffeina etc etc.
Dal 27 gennaio, invece, si nota una stagnazione dell’EF segno che si è acquisita una buona base aerobica e si può passare ad aumentare il carico, magari cominciando a passare ad allenamenti in SS o in Z3.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...