Wahoo Blue HR Heart Rate Strap

HR_001Molta è stata la strada che i cardiofrequenziometri hanno fatto dalla data in cui per la prima volta sono stati introdotti in Italia, nell’allenamento del ciclismo, ad oggi.
Dalla prima versione utilizzata da Francesco Moser (nel 1984 per stabilire il record dell’ora) che era: ingombrante, poco raffinata, colma di fili e decisamente molto costosa, siamo passati negli anni  a modelli sempre più leggeri e raffinati.

L’ultima novità introdotta, nel mondo dei cardiofrequenzimetri,  è la compatibilità con il protocollo di comunicazione Bluetooth 4.
Tra i principali fautori di questa innovazione vi è la ditta statunitense Wahoo Fitness con il suo Wahoo Blue HR Heart Rate Strap.

HR_002All’interno della elegante custodia in cartoncino, stile libro, troviamo solo  il nostro Blue HR. Le istruzioni non sono presenti ma possono tranquillamente essere lette sul nostro smartphone utilizzando il codice a barre che compare sulla confezione.

HR_003Il cardiofrequenzimetro si compone della fascia morbida elastica lunga a riposo circa 80 cm  (peso di circa 28gr), su cui  sono posti i sensori per il rilevamento del battito, e da una piccola scatola in plastica rigida (peso di circa 17gr) , dove risiede il cuore del cardiofrequenzimetro, e che ha il compito di: leggere, elaborare e ritrasmettere al ricevitore  i dati provenienti dalla fascia.

HR_005

le due parti si assemblano tra loro attraverso clip a bottone .

Uso:

La Wahoo Blue HR Heart Rate Strap può essere utilizzata solo da dispositivi che supportano l’uso del BT4 e per i quali siano state realizzate app compatibili.

Al momento in cui scrivo questa recensione i device compatibili che hanno app a disposizione sono: iPhone 5, iPhone 4S, iPad 3, iPad 4 e iPod Touch (5th gen), mentre le app che sfruttano le API scritte da Wahoo Fitness sono oltre cinquanta tra cui: RunKeeper, MotionX, Runnastic, Runmeter, Cyclemeter, MapMyRun, MapMyRide, 321run, Strava, Cruise Control Run e Endomondo.

HR_006Il pairing tra cardiofrequenzimetro e ricevitore avviene molto semplicemente.
Per farlo, è obbligatorio effettuare il collegamento attraverso la app, che si intende utilizzare (nel mio caso Wahoo Fitness).
Il dispositivo con BT4, infatti, non viene riconosciuto come un normale dispositivo Bluetooth (quindi facendo una normale ricerca dei dispositivi BT non viene individuato) ma per funzionare ha bisogno delle API del produttore del dispositivo, e del relativo software (nel nostro caso app) in grado di utilizzarle. Il paring quindi potra essere effettuato lanciando la app e poi andando nella pagina relativa ai dispositivi e/o le connessioni.
La app della wahoo, infine, risulta molto interessante perché almeno per chi possiede la wahoo key consente di abbinare, contemporaneamente sia dispositivi BT4 che ANT+.

HR_007Nell’uso quotidiano, il cardiofrequenzimetro, grazie alla fascia morbida risulta molto comodo da indossare e da portare anche per lunghi periodi.
Come se non bastasse, il tutto, è garantito come impermeabile e resistente all’acqua per una profondità massima di circa 1,5m (5ft). In pratica un triatleta, può tenere sempre indosso la propria fascia anche durante il nuoto, senza doversi preoccupare di nulla.

La cosa che colpisce maggiormente del Blue HR è la qualità dei dati inviati. Contrariamente ad altre fasce, che prima di essere utilizzate devono essere sempre bagnate e che comunque hanno bisogno di climi e temperature tali da non farle asciugare sul corpo. La Blue HR, durante tutti i test, ha sempre funzionato benissimo, fin dai primi secondi in cui la si indossa.

giallo ant_rosso bt4(in giallo fascia garmin, in rosso fascia Blue HR).

i dati inviati risultano sempre precisi e non presentano mai crolli e picchi improvvisi, il chip interno alla fascia, come si vede anche nel grafico, tende a modulare e ammorbidire i dati che provengono dai sensori, rendendo i valori sempre chiari e leggibili.
Estremamente interessante è la distanza a cui senza problemi il ricevitore, continua a ricevere i dati. Dai test fatti si superano tranquillamente senza problemi i tre metri.

In acqua, ovviamente il sensore non riesce a trasmettere, cosa che però riesce a fare appena lo si porta all’aria aperta.

HR_0081. ingresso in acqua, 2 uscita dall’acqua, 3 in acqua.

Conclusioni:

Wahoo Blue HR Heart Rate Strap è un ottimo cardiofrequenzimetro, indicato per tutti quelli che per fare sport vogliono portarsi dietro solo il proprio cellulare, o che hanno intenzione di acquistare un ricevitore cardiofrequenzimetro compatibile anche con protocollo BT4, come i nuovi Garmin, TomTom  e forse presto i Polar.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...