iMobileIntervals – parte seconda

kickr2Dopo la prima ed interessantissima parte su iMobileIntervals (disponibile qui) il nostro bravissimo mag, come promesso continua con le prove di questa app eseguite ora in modalità workout reale.

Disegno workout
su http://imobileintervals.com è possibile, a fronte di una semplice e  gratuita registrazione, creare a proprio piacimento allenamenti in watt, nelle classiche modalità (%ftp, watt assoluti), definendo intervalli, ripetizioni, … e sfruttando (opzionalmente) la modalità erg di kickr.
Il designer di allenamenti è piuttosto “ruvido”, molto semplice ma funzionale. L’interfaccia non è sicuramente appealing ma permette di disegnare tutto ciò che serve.
Sicuramente manca sia di comode funzionalità di data entry basate su disegno, drag & drop, …
L’edit è piuttosto scomodo ma almeno è prevista la funzionalità di spostamento intervalli.
Manca anche la possibilità di definire porzioni di intervalli riutilizzabili nel disegno di un nuovo workout, obbligando l’utente a ridisegnare l’intero allenamento o, al più, a partire dalla copia di un allenamento già presente.
Questo è un esempio di allenamento, da cui si può comprendere quanto sia basica l’interfaccia, se paragonata a Trainerroad
iM1
im2

La caratteristica però più rilevante è il fatto che al momento un allenamento, come quello disegnato in IM non è realizzabile in TR.

I segmenti indicati con “scatto” sono stati definiti in Z7 e quindi (come per Z6) fuori dalle logiche di controllo del kickr in erg, semplicemente non indicando la % di ftp richiesta ma scegliendo la zona da applicare

im3

Questa possibilità, assieme alla configurazione della app iOS, sotto mostrata, permette di associare una resistenza prefissata alle zona 6 e 7.

Nel mio caso ho associato un livello 3, che associato al corretto rapporto mi ha messo in condizione ideale di eseguire lo scatto di 20″ come disegnato

im4

Gli allenamenti disegnati possono essere poi importati sul device. Sono anche importabili da altri designer, tra cui trainingpeaks e garmin connect.

im5

Oltre alla possibilità di disegnare i propri allenamenti, il sito di IM contiene un grande numero di allenamenti già pronti, a disposizione di chiunque voglia utilizzarli. Inoltre è disponibile una modalità “team” (gruppo) estremamente interessante, in cui solo il “preparatore” del team ha il permesso di creare workout e gli atleti possono solo eseguirli. Il preparatore può vedere i risultati dei workout; esiste anche uno spazio privato di comunicazione per i team.

I team creati possono essere aperti o ad invito.

Anche questa funzionalità è totalmente inesistente in TR ed è sicuramente di notevole interesse per molti atleti.

Ritornando al workout disegnato, il risultato del workout può essere automaticamente esportato su:

  • iMobileIntervals.com
  • trainingpeaks.com
  • garmin connect
  • CadenceTV
  • Dropbox
  • Facebook

Il workout salvato nella history degli allenamenti su iPhone/iPad può anche essere esportato manualmente successivamente oppure essere inviato via mail in formato tcx.

im6

im7

A fronte di questa necessaria funzionalità sono però anche da segnalare diversi malfunzionamenti e problemi vari nella applicazione.

tcx

Il tcx inviatomi via email conteneva degli errori. Gli intervalli erano spostati di 10″ rispetto alla esecuzione degli intervalli. E nel caso di una esecuzione in Z7 l’errore è clamorosamente visibile. Si è reso quindi necessario riaggiustare tutti gli intervalli manualmente. Inoltre un intervallo inesistente nel workout si è aggiunto al tcx.

applicazione

L’applicazione non ha un funzionamento impeccabile; per esempio fare partire e fermare un allenamento “mette in imbarazzo” l’app. Entrando e riuscendo dal workout è capitato che partisse da solo, anche al di fuori della pagina di esecuzione workout, in background, o che non lo si riuscisse a fermare. L’unico modo che ho trovato per eseguire in modo affidabile un workout è stato quello di killare completamente l’app prima di eseguire un workout; e prima di eseguire il workout seguente, nuovamente killare l’app per ricaricare il nuovo workout.

Ribadisco, come già scritto nella prima parte dell’articolo, che la presenza di una app universale, che sfrutti il display iPad, è assolutamente fondamentale per avere un ambiente di allenamento comodo e completo

Recensione a cura di Mag

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...